SAPONETTE FAI DA TE: METODO NATURALE

Partendo dal presupposto che (da brava biologa) adoro “spignattare”, è da un pò che mi cimento nella preparazione di saponette fatte in casa 100% naturali.

Generalmente utilizzo il metodo più veloce e meno impegnativo che è quello “a freddo”, ovvero senza nessuna fonte di calore. Ma…non perdiamoci in chiacchiere, rimbocchiamoci le maniche ed inziamo subito!


Saponette


Saponette fai da te: occorrente, ingredienti e procedimento

OCCORRENTE:

  • Bilancia elettronica di precisione
  • Pentola in acciaio inox o pirex
  • Ciotola / contenitore in vetro, ceramica, plastica dura o monouso (per la soda caustica)
  • Ciotola / contenitore di qualsiasi materiale  (per l’acqua)
  • Pentolino in acciaio inox (per l’olio, a cui verrà aggiunta la soda caustica)
  • Cucchiaio in acciaio inox o legno
  • Frullatore ad immersione
  • Termometro da cucina
  • Vecchie coperte (oppure canovacci o stracci)
  • Vecchia tovaglia (oppure fogli di giornale)
  • Protezioni (guanti, mascherina ed occhiali)
  • Stampi in silicone o di plastica dura (QUI c’è l’imbarazzo della scelta)
  • Timbri (facoltativi, comunque li puoi trovare QUI)

NB: Fai molta attenzione a non utilizzare utensili di rame, ferro, alluminio, stagno o rivestimenti anti-aderenti. Questi materiali non sono resistenti alla soda caustica.

INGREDIENTI E DOSAGGI:

  • Grassi e oli vegetali (250 gr): questi vengono scelti in base alle loro proprietà emollienti, nutrienti, idratanti, ecc. L’olio d’oliva è quello più utilizzato nelle ricette casalinghe per le saponette fai da te, in quanto consente una lavorazione molto più semplice. Tuttavia, una volta acquisita una certa esperienza, potrai tranquillamente utilizzare qualsiasi olio o burro vegetale (cocco, karitè, mandorle dolci, ecc.). Riguardo questa ricetta, ho utilizzato 250 gr di olio extra-vergine d’oliva (evo).
  • Soda caustica (32 gr): potrebbe sembrare antiecologico e non naturale l’utilizzo della soda caustica (idrossido di sodio), ma ti assicuro che non lo è! Infatti, durante il processo di saponificazione, la soda sparisce del tutto trasformando gli oli e grassi in sapone. Il prodotto finito non conterrà dunque più nessuna traccia di soda caustica. Essendo una sostanza corrosiva, maneggiala sempre con la dovuta attenzione indossando guanti, mascherina ed occhiali. Puoi trovarla al supermercato, nei negozi di bricolage o ferramenta.
  • Acqua distillata (75 ml): possono essere utilizzati anche altri liquidi in cui dissolvere la soda caustica come infusi di fiori, di erbe o latte. E’ doveroso però precisare che solo l’acqua manterrà inalterata la colorazione desiderata.
  • Oli essenziali, fiori tritati, ecc. (facoltativo): se vuoi personalizzare le tue saponette con una particolare profumazione puoi aggiungere nella fase finale (detta “nastro”), qualche goccia del tuo olio essenziale preferito oppure una manciata di fiori o erbe essiccate. Per quanto riguarda la colorazione da dare alle saponette puoi sbizzarrirti utilizzando: spezie (cannella, curcuma, paprika, zafferano, ecc.), caffè e cacao amari, carbone vegetale, hennè o argille colorate. Per una colorazione più decisa, puoi anche utilizzare coloranti naturali come gli ossidi o le miche (occhio però che alcuni macchiano la biancheria del bagno). Li puoi acquistare presso i negozi di cosmesi naturale oppure online.

NB: Se il risultato ti soddisfa e desideri preparare più saponette, ricordati che per 1 kg di olio evo occorrono 128 gr di soda caustica e 300 gr di acqua distillata.

PROCEDIMENTO:

Come precedentemente menzionato, il metodo più semplice per preparare le saponette in casa è quello chiamato “a freddo”. In poche parole, questa tecnica sfrutta il calore naturale emesso dalla reazione chimica tra materiale grasso e soda caustica.

  1. Preparazione dell’area di lavoro: ricopri la zona che utilizzerai con fogli di giornale o una vecchia tovaglia.
  2. Protezione: indossa la mascherina, i guanti e gli occhiali prima di maneggiare la soda caustica.
  3. Pesatura degli ingredienti: versa e pesa l’olio nel pentolino, l’acqua in una ciotola e la soda in un’altra ciotola di vetro / ceramica / plastica dura / monouso.
  4. Diluizione: versa l’acqua nella pentola in acciaio inox o pirex e solo DOPO aggiungi piano piano la soda caustica. Mescola la soluzione ottenuta con un cucchiaio in acciaio inox o legno così da evitare che si crei una crosta sul fondo. Fai attenzione!!! La temperatura della soluzione caustica salirà rapidamente fino a raggiungere gli 80 °C. Riponi quindi il tutto in un luogo sicuro finchè la temperatura non avrà raggiunto i 45 °C.
  5. Riscaldamento della materia grassa: metti il pentolino contenente l’olio a scaldare dolcemente e mescola fino a che non raggiungerà i 45 °C. Dopodichè, spegni pure il fuoco.
  6. Unione degli ingredienti: quando l’olio e la soluzione caustica avranno raggiunto entrambi i 45 °C, versa quest’ultima nel pentolino contenente l’olio e mescola contemporaneamente. Successivamente, utilizza il frullatore ad immersione fino a quando il composto non avrà raggiunto una consistenza pastosa simile ad una crema pasticcera. Questa fase viene tecnicamente definita “nastro”.
  7. Aggiunta degli ingredienti facoltativi: arrivati a questo punto, se lo desideri, puoi aggiungere ulteriori ingredienti per profumare o colorare la tua saponetta. Ricordati sempre di mescolare con un cucchiaio per amalgamare gli ingredienti aggiunti.
  8. Colata negli stampi: versa il composto negli appositi stampini di silicone e coprili con una vecchia coperta o con degli stracci. In questo modo conserveranno il più a lungo possibile il calore sprigionato dalla naturale reazione chimica (saponificazione). Dopo 48 ore, togli le saponette dagli stampini e falle stagionare in un luogo asciutto e fresco per almeno 6 – 8 settimane prima di utilizzarle.

Potrebbero interessarti anche:

Hai domande su questo articolo? Lascia pure un commento qui sotto. Per domande generali su Salute e Bellezza puoi contattarmi direttamente nella sezione ASK ME.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *